arrow for title

Product Team as a Service: un nuovo approccio alla consulenza IT

19 Apr, 2021 Metodologie
Product Team as a Service: un nuovo approccio alla consulenza IT

Quello di 20tab si configura come un Product Team as a Service. Ma cosa significa in concreto? Te lo spiego in questo articolo.

TL;DR

Con “Product Team as a Service” (PTaaS) si intende un moderno approccio alla consulenza informatica. Un approccio adottato ancora da poche aziende, a causa della difficoltà pratica e finanziaria nel costruire un team interdisciplinare e multidisciplinare di alto valore.

Secondo questo modello, infatti, un team già performante e composto da tutti i ruoli necessari allo sviluppo di un prodotto digitale (sviluppatori, designer, tester, product manager, marketer ecc), con un mindset Lean/Agile, lavora in stretta collaborazione col cliente per aiutarlo a raggiungere i propri obiettivi, secondo un periodo di tempo o un budget flessibile e determinato dal cliente stesso. 

Un vantaggio per quest’ultimo, che si libera dell’onere di dover strutturare un team interdisciplinare interno, difficile da creare e molto costoso da mantenere, concentrandosi invece solo sul proprio core business.

1. Cosa vuol dire “as a Service”

1.1 Definizione

Il concetto di qualcosa “as a Service” indica, in linea generale, il fatto di fornire i benefici di questo qualcosa a un cliente, senza che sia lui a doversi occupare di costose attrezzature, personale, strutture o altri investimenti a lungo termine, tradizionalmente necessari per poter beneficiare di questo qualcosa.

In ambito informatico viene usato per indicare una serie di servizi che, in particolar modo grazie all’avvento del Cloud Computing e delle connessioni ad alta velocità, non è più necessario gestire e installare su propri server o macchine locali, ma si possono noleggiare e utilizzare “da remoto” solo per il tempo necessario. Senza doversi preoccupare delle spese di gestione, la sicurezza, gli aggiornamenti e qualunque altro tipo di operazione che si rendesse necessaria per il funzionamento.

Esempi di “as a Service” 

Tra gli esempi più comuni ci sono il SaaS (Software as a Service), Paas (Platform as a Service), IaaS (Infrastructure as a Service). Rientrano in questa categoria tutti i servizi in cloud che permettono di gestire le proprie applicazioni, i database ecc senza bisogno di avere alcuna infrastruttura (tra i principali Amazon AWS, Google Cloud, DigitalOcean, Microsoft Azure), e gran parte dei software che non richiedono una installazione completa se non quella di un client attraverso il quale poterli utilizzare, spesso un semplice browser.

Anche piattaforme molto note come Netflix, Salesforce, Dropbox o Adobe Creative Cloud possono essere considerate a tutti gli effetti SaaS, perché rispettano i criteri di scalabilità (puoi beneficiarne installando solo una parte del software), abbonamento flessibile, accessibilità (il servizio è disponibile su ogni device, ininterrottamente), persistenza (il software non ha bisogno di manutenzione e viene aggiornato in automatico). 

Attenzione: l’acronimo PTaaS indica anche il Penetration Test as a Service, un servizio utilizzato per testare la sicurezza di un sistema informatico o una rete.

1.2 Vantaggi

Da un punto di vista dell’utente/cliente, uno dei vantaggi principali è nella qualità del servizio, delegata integralmente a una società specializzata, soprattutto in rapporto a un costo estremamente ridotto rispetto alla formazione di un team di proprietà. 

Nel caso dei servizi in cloud per l’hosting e il deploy delle applicazioni, ad esempio, si può usufruire di un’infrastruttura come quella di Amazon, con un livello avanzato di sicurezza e garanzie sulla continuità del servizio, per un costo mensile relativamente esiguo. Quanto costerebbe a una società creare e mantenere un’infrastruttura come quella offerta da Amazon?

Stesso discorso per i concetti di “e-commerce di proprietà” vs “e-commerce SaaS”: creare una piattaforma di questo genere ha dei costi, in termini di budget, tempo e competenze, elevatissimi. Fare la stessa cosa, appoggiandosi ad esempio a Shopify, appare un’impresa molto più semplice e con meno zeri. 

Forse il caso è ancora più evidente prendendo come esempio Netflix, che offre un ampissimo catalogo in continuo aggiornamento a un costo mensile estremamente ridotto. Quanto pagherebbe un cliente Netflix, in un anno, se dovesse comprare singolarmente tutti i contenuti che visualizza?

1.3 Il Vantaggio del “focus”

Una menzione a parte la merita il discorso del focus, su cui forse si ragiona meno. 

Ogni azienda, come è giusto che sia, si concentra (o almeno dovrebbe) a massimizzare i profitti, ottimizzare i costi e pianificare gli investimenti per mantenere il passo evolutivo del proprio mercato. Farà formazione ai propri dipendenti e collaboratori in quell’ambito, parteciperà a convegni o conferenze, cercherà di sfruttare le metodologie o i prodotti più recenti e così via. 

Per un team di prodotto digitale è la stessa cosa, in ambito di sviluppo software, sicurezza informatica, marketing e crescita, comunicazione, product management. Il miglioramento continuo in questi ambiti è il focus del team di prodotto, mentre l’azienda che ne utilizza i servizi dovrà concentrarsi a fare meglio solo quello che le compete

Riuscire a portare avanti con successo entrambi i fronti internamente potrebbe risultare un impegno enorme e un eccessivo aumento di costi, o al contrario una produzione di software scadente. Avere, al contrario, un Product Team as a Service, è come avere una seconda azienda ma senza queste preoccupazioni, ottenendo così solo i lati positivi, le opportunità che offre grazie alla sua costante ricerca in innovazione e i benefici che si possono trarre dalle sue performance.

2. Cosa vuol dire “Product Team”

2.1 Product VS Project

Ci sono tantissimi articoli che affrontano questo argomento, ma cercando di fare una sintesi e di cogliere le sfumature di interesse per questo articolo, si potrebbe semplificare in questo modo: 

Per questo motivo, per un Prodotto è molto importante avere chiaro il problema che sta risolvendo e l’impatto che si deve generare in tutti gli attori coinvolti, non il modo in cui farlo. Non ci sono requisiti da implementare ma ipotesi da validare, per cercare di arrivare a un risultato adeguato nel minor tempo possibile, migliorando poi in modo indefinito e continuativo.

2.2 Com’è composto un Product Team digitale

Per portare avanti un prodotto con successo il numero di competenze fortemente specialistiche è molto elevato. Servono:

Avere figure esperte in ciascuno di questi ruoli è molto costoso, richiede una elevata capacità di scelta dei migliori collaboratori e un’impostazione mentale proiettata al miglioramento continuo e all’evoluzione, perché le competenze richieste da ciascuno di questi ruoli evolvono molto rapidamente.

3. Le skill orientate al prodotto

Abbiamo visto che i ruoli richiesti sono numerosi, ma il punto determinante è avere, per tutto il team, una cultura orientata al prodotto, all’implementazione iterativa, all’approccio data-driven e di continua ricerca di feedback dagli utenti, alla rapidità di esecuzione. 

Facendoci aiutare dalle metodologie nate e sviluppate negli ultimi decenni, possiamo citare le seguenti:

4. Differenze tra Product Team as a Service (PTaaS) e altre soluzioni come Internal Hiring, Body Rental, Dev Outsourcing or Consulting

Generalizzando, potremmo dire che il Product Team as a Service (PTaaS) promuove una visione olistica del processo di realizzazione di prodotti digitali: tutte le componenti sono fondamentali, e l’assenza di una potrebbe compromettere il successo di tutta l’operazione. 

Un approccio alla consulenza informatica più tradizionale si focalizza invece, solitamente, su singole componenti: un singolo sviluppatore dato ‘in pasto’ a un cliente, come nel body rental, o una componente tecnica delegata a un team esterno per la realizzazione di un sito web o di una campagna social. Questo non è necessariamente sbagliato, purchè esistano tutte le altre componenti e non si perda il punto di vista generale. 

Come già detto, poi, rendere questo team coeso e performante potrebbe richiedere molto tempo, così come assumere internamente tutti i professionisti necessari sarebbe invece molto costoso.

5. Conclusioni

In 20tab amiamo lavorare su prodotti che abbiano un reale impatto sugli utenti a cui sono rivolti, e si traducano in un vantaggio per i clienti che li commissionano. 

Ci sentiamo direttamente responsabili per successi ed eventuali insuccessi - da far emergere il più velocemente possibile per poter cambiare strada in tempo - e riteniamo che tutto questo sia possibile solo se tutto il team al lavoro è coeso e coerente con i principi discussi in precedenza. 

Per questo abbiamo evoluto la nostra offerta verso quella di Product Team as a Service, in modo che i nostri clienti possano concentrarsi solo sul proprio business e su quello che sanno fare meglio, avendo tutti i vantaggi di un team di Prodotto senza le difficoltà di doverlo strutturare e gestire internamente. A quello ci pensiamo noi.

Gabriele Giaccari

contattaci

Per progetti ambiziosi servono metodologie e processi innovativi. E noi sappiamo applicarli.

Che ne dici di provare?

Blog

Potrebbe interessarti anche: