arrow for title

Comunicare online: perché serve un PED

04 Giu, 2020 Marketing
Comunicare online: perché serve un PED

Per un’azienda è necessario comunicare: nuotare in quell’oceano che è il web e, perché no, arrivare a galleggiare e farsi notare attraverso i suoi contenuti.

Questo discorso può sembrare più immediato per chi commercializza prodotti “concreti”: spesso le attività che realizzano servizi o prodotti digitali pensano che questo mondo non faccia per loro.

In questo articolo ti dimostrerò che non è così e ti farò conoscere il Piano Editoriale, detto PED, uno strumento fondamentale per comunicare online.

Come comunicare e perché farlo con un professionista

Essere sui social senza un progetto o una strategia, non è una buona scelta. Essere sui social grazie al “lavoro” del famoso cugino è una scelta anche peggiore. 

Già, perché a dispetto di quello che molti pensano, avere un corporate blog e una presenza online è una mansione da affidare a un team di consulenti esperti in materia. 

Un lavoro errato o poco accurato può infatti condizionare lo stato di salute di un business: articoli del blog scritti in modo frettoloso, newsletter troppo aggressive e post sui social non appropriati consegnano un’immagine ingannevole dell’azienda. Gli effetti di questa comunicazione potrebbero diventare virali in un battibaleno. 

E addio reputazione costruita sul campo.

A chi affidarsi allora?

A un team di marketing esperto, in cui non possono mancare un copywriter e un social media manager: le figure che dovranno ideare, in accordo con advertiser e visual designer, i contenuti che permetteranno alla tua azienda di creare un legame con le persone al di là dello schermo.

Forse forse ti ho convinto. Il prossimo step è farti conoscere lo strumento centrale del Content Marketing, il PED.

Cos’è un PED e a cosa serve

Il Piano Editoriale, anche chiamato PED, è il diario di bordo del copywriter e la tabella di marcia del social media manager.

Si tratta di un documento in cui viene segnata la rotta che dovrà seguire la tua azienda nella sua comunicazione: 

Una volta definiti gli aspetti di base e le sembianze che i tuoi contenuti dovranno avere, si inizia a lavorare sul calendario vero e proprio. Su un periodo che può andare dal mese al trimestre, si vanno a indicare per ogni giorno i contenuti che dovranno essere prodotti e distribuiti.

Ovviamente tutto questo lavoro non viene fatto basandosi solo su chissà quale spirito creativo: si parte da un’attenta analisi dei  dati, tempistiche offline, ricorrenze, messaggi da spingere maggiormente, punti su cui lavorare. 

Insomma, il copywriter  e il social media manager  non vengono presi da un’ispirazione estemporanea ma arrivano alla compilazione del PED dopo una fase di studio e confronto, che coinvolge le altre figure addette al marketing e l’azienda.

Il PED è necessario perché permette di:

Se stai pensando di migliorare la tua comunicazione online, preparati ad averne uno tra le mani.

Quale PED per un’azienda di prodotti digitali?

Anche 20tab ha il suo PED. Esatto, il suo team interno di marketing lavora all’elaborazione dei contenuti per il mese successivo con settimane di anticipo, stabilendo i contenuti su cui spingere, mixando quelli di informazione con quelli più leggeri.

Il nostro piano viene costruito a partire da un meet tra gli addetti ai lavori e un foglio excel che fa da guida tra tempi e spazi da occupare; dopo aver fissato i punti fondamentali, inseriamo i singoli contenuti - creati dalle diverse anime dell’azienda - in un Kanban, attraverso cui seguiamo l’iter di ogni articolo o post, dall’idea alla pubblicazione.

Se pensi che questo discorso non faccia per te, ti dimostrerò che stai sbagliando.

Ecco qualche dritta di base, da valutare poi in base alla tua situazione e ai tuoi obiettivi.

  1. Parti da eventi offline, ricorrenze importanti, notizie o giornate da ricordare. 
  2. Stabilisci quali tipologie di contenuti puoi dare alle tue reader personas per informarle, creare consapevolezza, legarle a te e - perché no - intrattenere.
  3. Ora prendi queste idee e cerca di dar loro una forma: stabilisci rubriche, contenuti ricorrenti, struttura e lunghezza degli articoli, tempistiche e messaggi per le newsletter.
  4. Un consiglio fondamentale: costanza. Non partire con una mole di contenuti da preparare e pubblicare eccessivamente pesante, se non pensi di poter reggere il ritmo. Il segreto per una buona presenza online è esserci, sempre. Magari poco, ma sempre.
  5. Sii generoso: offri tips, spunti, testi interessanti e consigli. Le persone si soffermano a leggere ciò che è avvincente - quindi occhio al copy - ma soprattutto ciò che è utile.
  6. Trova il tuo sistema: noi utilizziamo videoconferenze, call e tool di task management, ma tu potresti preferire un file condiviso o magari il Google Calendar, o ancora Trello. 

Starai pensando che, nel caso delle aziende digitali, è difficile parlare a un pubblico magari eterogeneo e calibrare i messaggi anche in base al canale.

Affidandoti a un bravo copywriter, troverai il tuo tono di voce, il tuo modo di dire le cose, di dare informazioni. E poi, ragiona su ciò che puoi offrire di spendibile e interessante a chi ti segue. 

Un esempio? Noi abbiamo deciso di spiegare il significato di molti termini tecnici che utilizziamo, dallo sviluppo al marketing. E lo facciamo sui social. O ancora, ci piacerebbe che la cultura delle metodologie Agile fosse più presente nel nostro Paese: per questo, nel nostro piccolo, cerchiamo di veicolarla attraverso articoli veri (in cui raccontiamo esperienze) e accessibili.

Ah quasi dimenticavo: l’ultimo consiglio, quello più importante. Quando viene elaborato un PED e si decide di lavorare sulla comunicazione è importante ricordarsi, sempre, che al di là dello schermo ci sono persone, che vogliono conoscere le persone oltre al business.

Mostra chi sei, perché fai quello che fai e come si svolge il tuo lavoro. Il grande motore della comunicazione online è la curiosità.

Ora sai come poter iniziare un lavoro sulla comunicazione online e finalmente hai capito cosa si nasconde dietro quella sigla minacciosa, PED.

Il marketing, da oggi, è più vicino alla tua azienda.

Anna Lisa Di Vincenzo

contattaci

Hai una buona idea ma non sai che pesci prendere?

Parlaci del tuo progetto