arrow for title

La Table of Growth per la crescita dell’azienda

29 Mar, 2022 Marketing
La Table of Growth per la crescita dell’azienda

È uno strumento di Growth Marketing fondamentale per ideare e monitorare la crescita dei prodotti che stiamo sviluppando e, di conseguenza, dell’azienda. 

L’ho pensato e costruito basandomi sulle mie esperienze e credo possa essere un alleato perfetto per molti.

La crescita nel Product Management

Ho già parlato qui sul blog di quella parte del team che si adopera per la crescita, del prodotto e dell’azienda. Il Growth Team è il cuore e le braccia del processo di Growth Marketing, processo che si rivela fondamentale per garantire lo sviluppo e l’atterraggio di un prodotto sul mercato, oltre che il miglioramento e la crescita del prodotto in sé.

Come anticipato, questi professionisti che fanno parte del Product Team a seconda delle esigenze specifiche sono in grado di comprendersi tra loro e di confrontarsi con le altre figure presenti in squadra, ma hanno anche verticalità specifiche: queste sono fondamentali quando si tratta di dare forma e mettere in atto strategie e tattiche. L’elaborazione di queste ultime, costante e continua nel Product Management, passa per una serie di pratiche e metodi, ma soprattutto ha bisogno di strumenti che ci aiutano a mettere tutto nero su bianco.

A questo serve la Table of Growth, che in 20tab utilizziamo ​​per raggiungere i nostri obiettivi strategici

Cos’è la Table of Growth

Si tratta proprio di un tool di Product Management che permette di ottimizzare, pianificare e migliorare il lavoro di un team di Growth Hacking: un modello che permette di mantenere una velocità operativa costante, tanto nelle attività di prodotto pianificate quanto nello svolgimento del processo di Growth Hacking.

In concreto il suo scopo è rendere più semplice l’esecuzione e il monitoraggio di tutte le attività di marketing, dentro e fuori dal prodotto.

La Table of Growth è una tabella in cui ritroviamo 5 punti fondamentali, che possono essere integrati all’occorrenza, per esigenze specifiche del team. Il mio consiglio è di utilizzarla sempre insieme alla Customer Journey Map, altrimenti sarà difficile riuscire a monitorare e comprendere appieno i vari passaggi.

Table of growth

Qui ritroviamo, nello specifico:

  1. Stage della CJM: indichiamo il momento in cui ci troviamo, nel percorso dell’utente (Discovery, Consideration, Revenue, Loyalty, Advocacy). 
  2. Touch-point/Channel: il punto di contatto tra il nostro prodotto e l’utente, fondamentale per fornirgli le informazioni che cerca e si aspetta da noi. 
  3. What works: qui va indicato cosa sta funzionando nel touchpoint in quella fase. Ovviamente non ci basiamo su opinioni o impressioni personali, ma sui dati, sui numeri, sui risultati. Valuteremo ad esempio, con una cadenza costante, le ottimizzazioni, i contenuti, i video, le immagini, le scelte tecniche eccetera.  
  4. What didn’t work: qui guardiamo al passato e ci ricordiamo cosa in passato non ha funzionato, per quello stesso touch point in quella stessa fase. Pensiamolo come un reminder, un monito, ma anche un qualcosa da ribaltare e smontare: ciò che non ha funzionato in passato per n motivi potrebbe funzionare, però, nel futuro in condizioni nuove.
  5. Experiments: qui inseriamo idee e sperimentazioni da portare avanti per migliorare e/o testare quel touch point della fase X. Attenzione, non attività ordinarie ma generazione di nuove idee e nuovi esperimenti per scoprire ciò che ancora non conosciamo, sempre con un approccio data-driven.
  6. Actions: passiamo all’operatività e appuntiamo la to-do-list che porteremo avanti nei giorni successivi. 

Uno strumento per la comprensione condivisa

La Table of Growth è un tool del Product Management che va utilizzato costantemente, con una cadenza fissa e con un approccio che analizza e tiene conto di numeri e performance. Ma è soprattutto uno strumento di team.

Già, perché oltre a coinvolgere i vari ruoli nella riflessione sulla situazione del momento e nella generazione di idee, contribuisce a: 

Non per ultimo, uno dei grandi effetti positivi dell’uso della Table of Growth è la condivisione delle informazioni e la contaminazione tra i membri del team. 

Tra i touch-point di cui dobbiamo tener conto ci sono, infatti, anche dei passaggi strettamente legati al prodotto. Questo significa coinvolgere diversi ruoli e far sì che lavorino insieme per trovare nuove soluzioni e nuove strade da percorrere

La Table of Growth ci dà davvero il quadro della situazione, un’istantanea dell’andamento delle attività, il punto di ciò a cui si sta lavorando, dei risultati, degli esperimenti per generare una crescita unitaria. 

 

Per approfondire l’argomento, leggi l’articolo completo sul mio blog!

Mirko Maiorano

contattaci

Realizziamo la tua idea di business, con un team trasversale e un mindset agile.

Parlaci del tuo progetto!

Blog

Potrebbe interessarti anche: